Siamo tutti uguali, a parte Dio.

Eravamo io, il vecchio e l’autista Uber pool.

Io, una cattolico – agnostica italiana. Il vecchio, un ebreo ortodosso. E l’autista Uber, un giovane musulmano.

Eravamo noi tre, bloccati nella stessa macchina e nel traffico invernale e infernale di New York. Il primo pensiero che mi è venuto è stato ‘menomale che è Uber, e non un taxi, altrimenti avrei speso l’ira di dio’. E il secondo pensiero che mi è venuto è stato proprio riguardo a lui: ‘dio’. Me ne vorrà mia madre ma in quella lunga mezz’ora fermi in macchina prima di riuscire a prendere il ponte di Williamsburg, ho pensato che a dividerci era solo lui, Dio.  Ah no, Dio e Trump, perché l’autista musulmano gliene ha dette di tutti i colori, mentre il vecchio ebreo ortodosso lo difendeva, e pure parecchio. Il giovane musulmano e il vecchio ebreo si sono messi a discutere, come due anziani romani davanti a un cantiere, magari uno fan di Salvini e l’altro no. Discutevano e ogni tanto si rivolgevano a me che però ero più che altro in pensiero per lo stracchino nonno Nanni pagato undici dollari   da Eataly, che in macchina ci saranno stati quaranta gradi Celsius e se si fosse rovinato sarebbe veramente stata la catastrofe delle catastrofi. Poi a un certo punto il giovane musulmano ha detto ‘Berlusconi’. E il vecchio ebreo seduto dietro ha detto anche lui ‘Berlusconi’. E no, ho pensato io, ora mi tocca intervenire. Si aspettavano qualcosa da me, forse una rivelazione. Mi guardavano entrambi, il vecchio ebreo da dietro e il giovane musulmano di lato. Pendevano dalle mie labbra ma avrei sicuramente deluso uno dei due. Allora ho fatto come Pierino che a scuola, durante un’interrogazione sull’elefante su cui non era preparato, disse: – “l’elefante è un animale grande, molto più grande della formica. La formica ….” E continuò parlando della formica. Così, parlando di Berlusconi, restando sull’agnostico anche lì, ho iniziato a parlare di Giovanni Rana.  Non saprei dire perché proprio lui, ma ho parlato di Giovanni Rana. Il giovane musulmano lo conosceva, mentre il vecchio ebreo non lo so, non ha capito, insomma si è annoiato dopo pochi secondi e, incazzato perché ho portato la conversazione fuori tema, si é messo a guardare la pioggia e a parlare da solo, come faceva mia nonna. Perché in fondo anche i vecchi sono tutti uguali, così come lo sono i giovani, così come lo sono i politici, così come lo sono nonno Nanni e Giovanni Rana. Tutti, in fondo, siamo uguali.

Tutti, a parte Dio. 

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: