Che bello, a volte, il rumore

In questi giorni di isolamento mi è capitato spesso di ascoltare i rumori. ‘Quali rumori hanno in comune le mie due città?’ ho pensato. La lavatrice che centrifuga? Sì. Decisamente sì. Ho chiuso gli occhi e ho sentito il profumo dei detersivi che usa mia madre, persino di quelli ecologici che profumano meno e un po’ mi dispiace e glielo faccio sempre notare. Le ambulanze? No. Qui hanno un suono diverso. Quelle romane sono più dolci, più calme, più stanche, più romane. Queste ti stritolano l’orecchio e ti fanno scattare anche se sei sul divano, queste sono… più newyorkesi. Il rumore dello skateboard sul marciapiede? No. Non è comune a Roma lo skate come mezzo di trasporto. I clacson? Sì. Isterici sia qui che a Roma. Il ticchettio del gas per cucinare? Sì, è lo stesso sistema e mi ricorda quando a Roma faccio il caffè. Giusto quello, perché a Roma non cucino quasi mai. Le moto che sfrecciano? Sì. Le serrande che si abbassano? No. Qui non ci sono le serrande, ma le tende. E un po’ lo preferisco perché chiudere una serranda è più definitivo, sa di addio. Una tenda che si chiude invece sa di arrivederci, e fa sentire meno soli. La musica a tutto volume dalle macchine? No. Qui è quasi sempre il Reggaeton. A Roma direi più musica elettronica, o commerciale. I cantieri? Sì. I bambini che piangono? Sì. I cani che abbaiano? Sì. La sirena del ferry boat? No. A Roma non la sento mai, qui la sento fin da casa. E mi piace. A volte dimentico che l’acqua vicino cui abito viene dall’oceano, e il suono della sirena vuoi o non vuoi profuma di mare. Il rumore delle posate? Sì. Gli applausi? Sí. Un applauso può avere tanti suoni ma due mani che battono fanno ovunque lo stesso rumore.
E poi c’è il silenzio. Che non è mai lo stesso. Perché quando lo noti lo hai già sporcato con i pensieri, e i pensieri non sono mai gli stessi. Anche se lo sembrano. Ci seguono nel cambiamento che subiamo senza accorgercene minuto dopo minuto. Con discrezione. Apparentemente senza fare troppo rumore.

Picture by Federico Enni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: